Crosmataditele
Giulia, 24
"Sono buona, burrosa, con il bordo esterno croccante. Il mio cuore è una crema dolce e voluttuosa. In realtà sono friabile, mi spezzo facilmente, vengo schiacciata dalla fame d’amore altrui.
Praticamente sono una crostatina del Mulino Bianco." (cit. arirock)
Home Message Archive Random Submit Theme
»
La pasta frolla

Proprio come un’anziana signora dopo la passeggiata digestiva, la pasta frolla va fatta riposare in un luogo freddo per almeno mezz’ora. Sa già, immersa nel suo stesso aroma di limone, che presto verrà distesa, allungata, palpeggiata e abbandonata su una teglia unta e infarinata, farcita con la migliore marmellata di more.<br />
Non crede di essere pronta: si sente informe e senza ragione, inadatta a compiere il miracolo della doratura. “Guardatemi adesso” geme, “non sono che un ammasso di materia incolore e molliccia, come potrebbe la dolce e profumata marmellata volersi stendere sopra di me? E le nocciole tempestarmi di baci? E il forno accarezzarmi appassionatamente nell’estasi ultima della cottura?”<br />
La pasta frolla non si crede desiderabile eppure si concede. Sa che il suo destino è quello di diventare crostata. Sa che per compierlo deve abbandonarsi all’amore degli ingredienti e del cuoco, sentimento che non immagina di poter meritare, lei, base grezza di piaceri innominabili. Si strugge e sospira e intanto indurisce sul ripiano del frigo, dentro la terrina d’acciaio graduata, mentre si prepara all’abbraccio dolce, all’attesa rovente, al raffreddamento impaziente e infine alla morte, sbriciolata tra le fauci dei commensali.<br />
La pasta frolla e la pasta sfoglia sono come scrigni capaci di racchiudere ogni sorta di meraviglia. Chiunque le abbia cucinate o assaggiate lo sa.

Anita friggeva d’amore, Marta Casarini

'na cosetta
melisica:

(by Miss Complejo)
❝ 

When people treat you like they don’t care, believe them.

— Oprah (via lopmon)

(Fonte: onlinecounsellingcollege)

idisegnini:

mi piaci
❝ 

Il tuo corpo è composto di frutti.
La notte esali un odore di pesche.

Scende il tuo bacio dalla gola al cuore
come va l’acqua d’una fontana.

E la mia pelle freme alle carezze
come al soffio di Dio l’erba dei campi.

Sei una coppa di frutti posata
accanto alle mie labbra tutti i giorni.

— Jorge Carrera Andrade.  (via ilventoscrive)

(Fonte: a-t-tratti)


Leo Ortolani

People are so vulnerable at night. They’re willing to spill out their souls to anyone willing to listen. They have desires to do things that never cross their mind when the sun is in the sky.

(Fonte: cvanillaa)